martedì 11 giugno 2013

Recensione: "Crossed - La Fuga" - Ally Condie

Buongiorno e oserei dire buona estate a tutti! Finalmente è arrivato il caldo e il bel tempo, anche se da oggi dovrò mettermi ufficialmente a studiare per la maturità e giuro che mi sento già male! Oggi inizierò con italiano e andrò al lago, almeno studierò prendendo un po' di sole! Ma non sono qui a parlare di scuola, quindi vi parlerò di un libro che ho finito di leggere qualche giorno fa: "Crossed - La Fuga" di Ally Condie, il sequel di "Matched".


Titolo: Crossed - La Fuga
Autore: Ally Condie
Numero di pagine: 345
Anno di pubblicazione: 2012
Casa editrice: Fazi

Citazione:
Parole solo per me, un ti amo che è pura poesia, e scalda il mio cuore raggelato. Grazie a esse, da cenere e nulla torno a essere carne e ossa.

Per Cassia Reyes le regole del gioco sono cambiate. Solo poco tempo prima, un sofisticato sistema informatico creato dalla Società ha scelto come suo promesso Xander, il suo migliore amico: doveva essere il compagno perfetto, ma una macchina non può comandare il cuore. Infatti il ragazzo che lei ama è Ky Markham, una Aberrazione, un individuo che la Società considera pericoloso e indegno di essere promesso a qualcuno. Un errore che proietta Cassia in una nuova dimensione di verità e conoscenza dove può comprendere le mancanze e i difetti del Sistema che governa le loro esistenze. Scoprendo dentro di sé una forza che non sapeva di possedere, Cassia si allontana da un destino già programmato e si mette in viaggio verso le estreme frontiere della nazione per ricongiungersi a Ky, che è stato rapito e portato nei campi di lavoro dove la Società confina coloro che non ritiene idonei. Il percorso di Cassia sarà duro e pieno di ostacoli, ma proprio quando ogni speranza di rivederlo sembra perduta verrà a sapere che Ky si è rifugiato tra i profondi canyon che circondano la Società, luoghi ancora inesplorati dove non c'è traccia di vita umana. È proprio tra quelle gole che la ragazza farà la scoperta che muterà la sua vita e le permetterà di capire che non tutto è perduto e che dentro quel mondo apparentemente immobile e perfetto c'è un seme di cambiamento e di libertà. Una ribellione sta montando, e Cassia sarà finalmente libera di scegliere.


Recensione


Come saprete dalla recensione che avevo postato qui, "Matched" - il primo libro di questa trilogia - mi era piaciuto tantissimo. Lo avevo decisamente adorato e automaticamente le mie aspettative per "Crossed" si erano alzate tantissimo.
Non dico che mi abbia deluso, perché mi è piaciuto molto anche questo, ma non ai livelli del primo capitolo della saga.


Avevamo lasciato Cassia a lavorare nei campi speranzosa di poter scoprire dove era stato mandato Ky e quindi di poterlo raggiungere.
Con un po' di ingegno e con l'aiuto di un nuovo personaggio, la misteriosa Indie, Cassia riesce a raggiungere una città ormai abbandonata dove alcuni ragazzi mandati lì a morire (con la scusa di dover far credere al Nemico che quelle città sono ancora abitate) dicono di conoscere un certo Ky e soprattutto le fanno sapere che qualche giorno prima è scappato verso i canyon - chiamati Intaglio.
E' qui che Cassia inizia ufficialmente la sua avventura alla ricerca di Ky, in posti dove nemmeno la Società è ancora arrivata.

Non voglio parlare troppo della trama per non rovinarvi la lettura. Questo libro doveva essere molto più intrigante e avventuroso rispetto a Matched, ma purtroppo non mi ha presa tanto come quest'ultimo.

In questo libro i capitoli, rispetto a "Matched" nel quale erano tutti scritti dal punto di vista di Cassia, si alternano: un capitolo è dal punto di vista di Ky, l'altro della protagonista. E' stata una scelta che ho apprezzato, perché i due inizialmente vivono delle storie molto lontane tra loro e si riesce quindi a entrare bene nella storia.

Ho apprezzato anche l'introduzione di nuovi personaggi. Indie, la ragazza che scappa con Cassia, non è riuscita a convincermi fino in fondo, tranne forse verso la fine, dove l'ho un po' rivalutata. Vick, il ragazzo che fugge con Ky, mi è piaciuto molto. E' gentile e compassionevole, ma al tempo stesso forte e autoritario.

Ma il nuovo personaggio che più mi è piaciuto è stato senza dubbio Bram, il tenerissimo bambino che Ky fa fuggire con lui perché gli ricorda il fratellino di Cassia. E' un ragazzino ingenuo ma al tempo stesso deve crescere e maturare più in fretta di quello che dovrebbe fare un bambino della sua età.

Nel complesso mi è piaciuto molto anche questo libro, è stato scorrevole e alla fine anche abbastanza intrigante, ma c'è qualcosa che non so definire che non me lo ha fatto apprezzare come il primo. Però non vedo comunque l'ora di leggere "Reached" e vedere come si concluderà questa trilogia.

Vorrei solo fare un piccolo appunto sulla scelta assurda della Fazi di sconvolgere totalmente la grafica del terzo libro (potete vederla qui). Cioè, hai mantenuto le cover del primo e del secondo libro pressoché uguali alle originali, per quale motivo devi cambiare totalmente la terza?? Queste cose mi infastidiscono parecchio, mi piace la continuità della grafica e delle cover delle saghe.

Se avessi i mezzi punti avrei dato a questo libro 3 stelline e mezzo, ma non avendoli - cosa a cui devo porre rimedio - ho arrotondato a 4.



Votazione:

 

 
E voi, lo avete letto? Vi ritrovate in quello che ho scritto?
Mi scuso perché la recensione non è delle migliori, ma ho fatto davvero fatica a trovare le parole giuste per questo libro! Mi raccomando, commentate e ditemi cosa ne pensate! :D

9 commenti:

  1. L'ho letto qualche mese prima e non mi ha lasciato niente... mi ricordo pochissimo dei personaggi mentre la trama la ricordo abbastanza bene. E dei personaggi che non si fanno ricordare è una cosa bruttissima per la scrittrice. Comunque sia la mia votazione era intorno al 3 per il primo e 4 per il secondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il primo era piaciuto da impazzire, ma il secondo mi ha lasciata un po' così!

      Elimina
  2. Ormai è un po' che l'ho letto e non ricordo quasi nulla della storia, il primo mi è piaciuto molto mentre questo mi ha delusa incredibilmente. L'ho trovato troppo noioso :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È bello trovare qualcuno che la pensa come me (:

      Elimina
  3. Peccato che ti sia piaciuto meno del primo... a me è piaciuto allo stesso modo se non di più :)
    Per la copertina del terzo... stendiamo un velo pietoso D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non so nemmeno io spiegare bene il perché!
      Comunque per la copertina non ho davvero parole -.-"

      Elimina
  4. Mgari aspetto un po' a leggerlo... speravo che Crossed potesse conquistarmi di più di Matched!
    Mi piace però l'aggiunta di nuovi personaggi! :)
    OMG! Ditemi che è uno scherzo!!! Ma che razza di copertina è quella di Reached! Non potevano tenere l'originale? D: Che peccato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi magari sono io particolare, perché ho sentito persone conquistate da "Crossed"! Dovresti provare a leggerlo, mi piacerebbe conoscere anche il tuo parere :D
      Comunque non parliamo della copertina, grazie -.-"

      Elimina
  5. Ciao, io ho letto il primo e devo dire che è carino, ma niente di che...
    Comprerò di sicuro gli altri due per capire come va a finire e perchè il mondo della Società è particolarmente intrigante, a mio parere...
    Se ti interessa sapere cosa ne penso di Matched qui c'è la mia recensione: Raggy - Recensione Matched :3
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato...
    Ciao, Rainy

    RispondiElimina